Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

30 ottobre 2016

ISPIRAZIONI & CO.- Stelle + Insieme Raccontiamo 14 - La stella

In un momento in cui i passaggi nell’armadio sono sempre più rari e persino il terzo compleanno del mio blogghino (17 ottobre scorso) è passato quasi del tutto inosservato, riducendosi a semplice appunto in agenda, Insieme Raccontiamo rimane l’unico appuntamento, che ancora mi spinge da queste parti.

Impossibile mancare al contest di Patricia, vero?

Neppure la raccolta di Ispirazioni & Co. – la raccolta delle Comari – questo mese ha avuto cotanto potere, perché di ispirazioni stellari neppure l’ombra. Almeno fino a ieri sera, quando rileggendo l’incipit della nostra ospite, ho avuto l’illuminazione.

Un’ispirazione che, quindi, questo mese vale doppio!

 

Vi ricordo, brevemente, le regole di Insieme Raccontiamo, anche se ormai le conoscono pure i sassi.

Dieci giorni (dal 20 del mese alla fine dello stesso) per dare un finale al suo incipit.

Due possibilità di completare il racconto (200/300 battute; 200/300 parole).

Si può partecipare, scrivendo un finale breve, un finale lungo oppure due finali diversi.

I due finali possono anche essere concatenati.

Il post può essere arricchito con un motivo musicale, con un video, con un disegno, con un’immagine.

a ri banner

INCIPIT DI OTTOBRE 2016

gnarled-old-oak-1166907_1920

Seduta ai margini del bosco sotto alla vecchia quercia spoglia rimuginava.

Un peso le gravava sulla coscienza.

Forse era giunta l’ora di liberarsene ma con chi parlarne? A chi rivolgersi? Chi avrebbe capito?

D’un tratto il tappeto di foglie ingiallite dall’autunno scricchiolò vicino a lei.

Si voltò.

IL MIO FINALE

220px-Virgo2

(immagine in un libro del XV secolo)

E rimase impietrita.
- Non ti spaventare ... non mordo mica!
- No, è che ... davvero ... non ti aspettavo...
- Certo che non mi aspettavi, io non annuncio mai il mio arrivo. Mi presento e basta. Sarebbe poco opportuno, sai, rendere noti certi eventi con troppo anticipo.
- Sì, lo so ... cioè credo di saperlo almeno.
- Che stai facendo qui tutta sola sotto questa quercia?
- Beh, stavo meditando su ...
- Non è facile vero?
- No, non lo è ... ma ... come?
- Io so, io so sempre. È il mio lavoro sapere. E poi agisco di conseguenza. Mi presento, di solito, quando è strettamente indispensabile, quando vedo che ci sono difficoltà oggettive a parlarne, quando non c'è nessuno con cui...
Fece un passo indietro, sconvolta, perché aveva la sensazione che quella donna sapesse cose, che nessuno doveva sapere e perché, dopotutto, aveva un'aria estremamente familiare.
Ebbe davvero paura.
- Non dovresti avere paura, però. Lo sai che sono tua amica.
Non si capacitava proprio, non riusciva a ricordare dove poteva averla conosciuta. Non pareva pericolosa, ma certo quel suo comparire dal nulla, quell'essere così evanescente e al contempo così reale.
- Ma tu chi sei?
- Vieni - disse, quasi prevenendo la sua domanda - sediamoci. La notte sta arrivando e sarà una notte magnifica.
Si sedettero e cominciarono a parlare.
Ora dopo ora, accompagnate dal fruscio delle foglie, le parole abbatterono l'argine così sapientemente costruito e sgravarono quell'anima fragile da tutti i suoi fardelli.
Quando l'alba cominciò a fare capolino, la donna si alzò e, sorridendole, riprese la strada dalla quale era venuta.
Sotto la quercia, nel punto preciso in cui si era seduta, una spiga.

(287 parole)

 

Giusto una spiegazione.

Spica, detta anche Spiga, è una stella della costellazione della Vergine. È la stella più luminosa di quella costellazione, ma è anche la quindicesima stella più brillante del cielo notturno.

Finding_spica

Distante circa 250 anni luce dal Sole è visibile praticamente da tutte le regioni popolate della Terra.

Il suo nome deriva dal latino spica virginis (spiga di grano della Vergine), in riferimento alla pianta che la Vergine regge in mano nelle rappresentazioni classiche dello zodiaco. La Vergine, anticamente, era legata al periodo del raccolto.

È una stella porta fortuna.

Nella tradizione cristiana è associata alla Stella Maris, protettrice dei marinai in balia dell’acqua, dove per acqua si intendono tutti quegli eventi che non possiamo controllare. È dunque una stella, che offre protezione contro le avversità della vita.

 

Non pensate che ognuno di noi abbia una sua propria stella lassù nel cielo?

 

Qui il riepilogo di Insieme Raccontiamo 14.

 

E qui sotto le mie precedenti partecipazioni a Insieme Raccontiamo:

Insieme Raccontiamo 1 - La giostra
Insieme Raccontiamo 2 - Sopra una nuvola bianca
Insieme Raccontiamo 3 - Il sabba
Insieme Raccontiamo 4 - L’angelo
Insieme Raccontiamo 5 - Collisione
Insieme Raccontiamo 6 - Anahata
Insieme Raccontiamo 7 - Il sogno
Insieme Raccontiamo 8 - L’invito
Insieme Raccontiamo 9 - Sui trampoli
Insieme Raccontiamo 10 - La resa dei conti
Insieme Raccontiamo 11 - Il cinghiale
Insieme Raccontiamo 12 - Beach party
Insieme Raccontiamo 13L’arcobaleno
 
Questo post partecipa anche a
 
01
 

01

9 commenti:

  1. Bello davvero Squitty!
    Da vera maga ahhahahaha
    E quella Spica come si chiamavaa? Coscienza? Anima?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è una bella domanda.
      Non credo che un nome - coscienza, anima, stella, Madonna - faccia molta differenza.
      E' un qualcosa che ... c'è. E basta!

      Elimina
    2. L'importante è proprio quello 😊

      Elimina
  2. Ueilà, ma che bello. Stregassa di una Federica. Bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potere si strega!!!
      Ahahahahaha ..
      Grazie, Massimiliano!

      Elimina
  3. Brava che vale doppio 😃
    Interessante le nozioni sulla costellazione della Vergine ... pensare che appena posso alzo la testa al cielo, ma di stelle a Milano se ne vedono ormai poche!
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marina,
      penso che dalle città ormai di stelle se ne vedano proprio pochine.

      Elimina
  4. E brava Federica!
    Ognuno di noi ha la sua stella in cielo dove abita il suo angelo custode!
    Un abbraccione
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ne sono convinta pure io!!!
      Baci, Maria

      Elimina