Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

28 gennaio 2015

Soupe à l'oignon (alla faccia di Gérard, Henri e Julia)

Io quasi me li vedo i puristi della soupe à l'oignon, avvicinarsi con mano tremante alla mia pirofila fumante con sorriso di circostanza e lo stomaco attorcigliato.

mediaille

Probabilmente ad Henri, chef del Ritz, verrebbe un coccolone, se vedesse con che cosa ho cucinato questo rinomatissimo piatto della cucina francese.

Henri

E non credo che neppure a Julia Child piacerebbe molto la mia libera interpretazione di questa ricetta.

Julia_Child

Ma parliamoci chiaro: io non seguo i dettami di Gérard Dupont, non sono Henri, e non assomiglio per nulla a Julia Child, che era alta minimo trenta centimetri più di me.

Perdonatemi, dunque, se non ho usato fragranti baguettes, le-quanto-pare-indicatissime cipolle di Roscoff oppure il consigliatissimo gruyère.

Scusate pure, se non ho avuto alle spalle una notte di bagordi parigini e nulla, dunque, avrebbe giustificato la mia insana voglia di zuppa di cipolle, degno seguito - pare - di tali comportamenti. Io, semmai, molto più prosaicamente faccio orari assurdi con le Quattro Comari.

Les Halles, culla di questa meraviglia del palato, dunque sono lontane ed io ieri ho cucinato la soupe à l'oignon secondo la solita ricetta, quella riportata su una scheda arrivata per posta e sempre gelosamente conservata.

Anche con le varianti di ieri, devo dire, il risultato é stato ottimo, ma se é la vostra prima volta, procuratevi gli ingredienti giusti, fatemi un piacere!

Ingredienti

  • 500 g di cipolle fresche
  • 100 g di burro
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1,5 l di brodo
  • 2 uova
  • 300 g di formaggio a pasta semi tenera
  • 200 g di pane casereccio
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • sale
  • pepe

Procedimento

Mondate le cipolle e affettatele molto sottilmente (io ho sempre usato quelle bianche).

01

Mettetele in un tegame con il burro e fatele rosolare piano.

02

Rimestando per bene, aggiungete il sale e il pepe e cospargete con la farina.

03

Poi aggiungete il brodo, precedentemente preparato, coprite il recipiente e cuocete lentamente per 30 minuti (io, che nel frattempo stavo preparando una tortina rapida per la merenda, le ho fatte andare almeno 45 minuti; poco importa, la cosa essenziale è che perdano il nervo e risultino morbide e dolci).

04

Affettate il pane e tostatelo in forno. Poi fate uno strato sul fondo delle pirofila (visto che avevo il forno impegnato ho usato una bistecchiera, ma il risultato non cambia).

La sostituzione del pane casareccio con altro tipo di pane questa volta è stata quasi obbligata, perché … beh, mi sono proprio scordata quel pane. L’uso di pane già affettato porterebbe Henri e compagnia bella diritti all’obitorio, lo so, ma – vi garantisco – si può fare comunque.

05

Battete le uova con il parmigiano e un pizzico di sale.

06

Distribuite sul pane il formaggio affettato sottilmente; versate le uova sullo strato di formaggio e continuate gli strati fino alla fine degli ingredienti.

07

Ok, avete già capito, ho usato una sacrilega scamorza, affumicata per di più, e il sacrilegio ci sta tutto, ma è pur sempre un formaggio. E il Pripi ne va matto. Perché, dunque, non proporre un piatto nuovo al mio seienne, cercando di renderglielo più gradito?

Distribuite nella pirofila tutte le cipolle compreso il brodo di cottura.

Lasciate che il liquido venga assorbito completamente dal pane (almeno 10/15 minuti).

08

Cospargete di formaggio grattugiato.

09

Mettete il recipiente in forno preriscaldato a 200° e fate gratinare.

10

Bon Appétit!

 

Naturalmente questo post partecipa a

Squitty dentro l'armadio

01b.-Parigi_thumb1_thumb_thumb_thumb

24 commenti:

  1. Mi hai fatto venire l'acquolina!!!!
    Da provare sicuramente questa ricetta!!!!
    P.s userò anche io la provola affumicata perchè l'adoro!
    :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova, Lisa, e poi dimmi!
      Anche con la provola affumicata!

      Elimina
  2. A dispetto di Henry, Gerard e Julia io una fetta della tua soupe versione #chisiaccontentagode...me la sarei pappata ben volentieri! Ma immagino sia finita nel giro di qualche minuto ;-D
    Senza nulla togliere ai bagordi parigini...adoro i nostri...quando non cado stecchita!
    Un bacio...forse no dopo la zuppa ...un abbraccio <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della teglia sono rimaste due misere porzioni, pure piccole.
      La prima l'ho devoluta a mia mamma, che non si mette di certo a fare tutto questo lavoro solo per lei; con la seconda ho bissato io, ma lo sai, visto che ho mangiato in tua compagnia!!!
      Bagordi, appunto!

      Elimina
  3. Anche io adoro la zuppa di cipolle Federica!
    Versione originale o rivisitata!
    La tua mi ispira molto!
    E un caro saluto alle 4 comari e a Parigi!!!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In tutti due i modi, certamente, Maria!
      Io poi adoro le cipolle!

      Elimina
  4. wow che roba fighissima, penso che riuscirei a mangiarla anche se odio la cipolla così massiccia
    non sarai julia child, ma ti vedo molto Ramsey
    carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro, Carmen, che se la mangia mio marito, che detesta la cipolla, la puoi mangiare pure tu.
      Il fatto di cuocere le cipolle così tanto, fa perdere loro il loro gusto deciso.
      Restano dolci, pure quelle bianche, che di solito sono molto forti!

      Elimina
  5. Ma che buona!!! Ci devo provare anche io a rifarla!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Falla e poi invitami, Barbara, io adoro questo piatto!

      Elimina
  6. Mi hai fatto venire l'acquolina in bocca!!! dovrò provare!!! ciao a presto ...

    RispondiElimina
  7. Così non l'avevo mai mangiata, mi avevano dato una ricetta per la zuppa alle cipolle proprio in Francia, 5 o 6 anni fa in vacanza; gli ingredienti sono gli stessi, ma le uova vengono messe direttamente nel brodo caldo così si mescolano e fanno tutti quei filetti bianchi, il resto viene messo nei piatti singoli nello stesso ordine della tua ricetta e sopra il brodo preparato prima, bollente. Ora devo provare anche questa ricetta....
    MGrazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao MaryGi, benvenuta nell'armadio!
      In verità ci sono varie ricette della zuppa di cipolle.
      A quanto sembra questa sarebbe quella tipica parigina, però immagino sia come lo strudel ... tutti hanno la ricetta del VERO strudel ... e non ne trovi una uguale all'altra!

      Elimina
  8. Come ti ho già scritto nel commento al mio post ... io ADORO la zuppa di cipolle!!!!!!!!! Ho sempre usato quelle "ramate" e poi poi , non credo ai miei occhi!!!!!!! anche io ci metto formaggio affumicato (spesso spessissimo) perché ... adoro anche quello e dato che la zuppa la faccio solo per me, ci sta !!!!!!! GRAZIE del post e a presto ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sta, eccome, Silvia!!! Ci mancherebbe altro!!!!
      Sai che tristezza, se in cucina non si potesse improvvisare un po'?

      Elimina
  9. Adoro la zuppa di cipolle, anche la tua versione con-quello-che-vuoi.
    A presto! =)
    Dani

    RispondiElimina
  10. Non amo assolutamente le cipolle (ma da chi avrà preso mia figlia che invece le adora? ;) ) ma questa tua zuppa è una vera tentazione, mi sembra di sentire un profumo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho detto a Carmen sopra, qui le cipolle si sentono appena!
      Quindi prova, Beta, te lo consiglio vivamente!

      Elimina
  11. Mamma mia, mamma miaaaaaaaaaaa, ma cos'è questa bontà libidinosa a me sconosciuta??? :O ^__________^

    RispondiElimina
  12. ma che bontà ... ma che bontà ... ma che cosè ... questa robina qua ????
    mai sognato di farmi una zuppa di cipolle ... ma da quando l'ho letta non penso ad altro ....ma dopo va su e giù o si digerisce al volo??????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusi, provala!!! Mai avuto problemi di digestione!
      Ripeto ancora ... la mangia pure mio marito, che non sopporta la cipolla cruda!!!

      Elimina