Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

17 ottobre 2013

È tutta colpa di Sarah ovvero come nasce un blog

sarahCerto che è tutta colpa di Sarah! Quindi se avete proteste da fare o se ritenete che di un nuovo blog non ci fosse davvero bisogno, prendetevela con lei.

Ovviamente non tutti sanno chi sia Sarah, mi pare evidente. Del resto fino a due anni fa neppure io lo sapevo. Sono arrivata al suo blog, Shabby Chic Interiors, cercando ispirazioni per arredare la mia casa dalle persiane verdi. Nonostante io usassi regolarmente il computer, non conoscevo neppure la differenza fra sito e blog, perché non mi ero mai messa a ragionare sulla differenza fra quelle che per me erano semplicemente pagine web.

Il blog di Sarah mi è piaciuto subito, soprattutto per le bellissime foto, ma quando ho cominciato a comprendere che quel suo stile aveva pure un nome, che esisteva una tecnica precisa per creare quei mobili stupendi, che c'erano tantissime persone che ne erano letteralmente pazze, beh, mi sono sentita ignorante come una capra. Voglio dire, i mobili fatti così, li avevo visti anche, ci mancherebbe, ma che esistesse un mondo shabby chic è stata veramente una sorpresa.

Ma ancora più sorprendente è stato rendermi conto di cosa fosse un blog, capire che è una specie di diario, che ne esistono milioni e che chiunque può (non proprio) facilmente crearne uno. La parola mi era nota, si sentiva continuamente alla radio o alla televisione, si leggeva sui giornali, ma era per me allora solo una parola.

A quel tempo, però, avere un blog non era certo nei miei programmi, avevo altro da fare, una ristrutturazione in ballo, molte cose da organizzare e comunque la vita di tutti i giorni da portare avanti. Soprattutto non sentivo l’esigenza di averne uno.

Quello che mi serviva davvero erano idee per arredare e dunque su quel blog ci sono tornata altre volte. Ho cominciato a domandarmi, tra una foto e l’altra, come una donna normale (leggi non bionica) potesse avere contemporaneamente una casa, una famiglia, forse un lavoro (anche se Sarah, che allora portava un enorme naso rosso, pareva decidere al mattino all’alba cosa avesse voglia di fare), un blog da scrivere e chissà quanti da seguire, mille mobili da restaurare, tanti in fase di sistemazione e altri già belli e pronti da collocare nella nuova casa. 

Insomma questa Sarah cominciava a starmi un po’ qui. Nulla di personale ci mancherebbe, mica la conosco davvero. Ma, capitemi,  l’armadio era al limite del collasso, io pure, le mie attività creative non esistevano più, relegate in un angolo, praticamente dimenticate. E non avevo neppure due minuti per dedicarmici.

La scoperta, poi, di vari altri blog creativi, non legati all'arredamento, è stata tragica, nel senso che ha solo evidenziato la mia nostalgia per quei miei passatempi tanto amati e tanto trascurati. Dovevo fare qualcosa, trovare il modo, trovare il tempo. Ovviamente, vista la situazione, ho rimandato qualsiasi decisione all’autunno seguente e mi sono goduta i lavori in corso e, finalmente, l’estate. Si parla di quella dell’anno scorso.

Circa un annetto fa ho cominciato a riorganizzare il mio mondo creativo: materialmente dietro le ante e idealmente nella mia testa. Ed è nata l’idea del blog, perché no? Non sono forse creativa anch’io, con vent’anni di lavori alle spalle, con una dozzina di campi di attività e di interessi, con mille idee in testa e con ancora tanta voglia di fare?

E poi avevo voglia di condividerli con qualcuno, di parlarne con qualcuno. Le mie amiche non sono creative come me, probabilmente non comprendono fino in fondo le mie passioni. Non per questo non andiamo d’accordo, si intende. Ma quel prurito che ti viene alle mani, quando ti frulla una nuova idea in testa, quella voglia di sperimentare, quel desiderio di fare, ma come si fa a spiegarlo a chi non lo ha mai provato?

Dopo aver pensato e ripensato,  a gennaio ho aperto l'account su Blogger; per mesi, a tempo perso, ho fatto prove, esperimenti, tentativi; ho cancellato e ricominciato del tutto almeno un paio di volte; ho persino stabilito che il giorno del mio compleanno sarebbe stato il giorno del debutto. In verità è stato solo il giorno della svolta, il giorno in cui la determinazione di avere un blog tutto mio è stata così forte da non volervi più rinunciare. Un regalo per me.

Il giorno del debutto arriva solo oggi, nove mesi dopo. Praticamente un parto.

Benvenuti dentro l’armadio!

(e se non ci state comodi, allora, è solo colpa mia) 

11 commenti:

  1. Ammetto di aver scoperto da poco il tuo blog..... ma mi piace un sacco! Pieno delle cose che piacciono a me (praticamente tanti argomenti che spaziano in "tutte le stanze della casa".... che per te sono gli scaffali dell'armadio! Mi piace la ricerca dei nomi che hai dato ai temi che condividi, lo stile.... insomma, c'avrei messo pure 9 mesi, mai hai tra le mani una bella creatura!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MA CHE BEL COMPLIMENTOOOOOOOOOOOO!!!! GRAZIEEEEEE! La verità è che, nelle cose che mi interessano, ho la tendenza al perfezionismo. Con questo non voglio dire che il blog sia perfetto, per carità. Voglio dire che, prima di aprirlo, doveva rispecchiare esattamente l'idea che avevo in testa! Per questo ci ho messo molto. Volevo, poi, capire bene il funzionamento del mondo blog, della piattaforma, dei modi per confrontarsi con gli altri. Diciamo che ci ho studiato su, se mi passi il termine. E, davvero, è stato un percorso affascinante, una sfida e, soprattutto, un divertimento!!! Che cresce di giorno in giorno!!!

      Elimina
    2. Si anch'io penso che questi blog siano una sfida (l'avevo pure scritto in un post della staffetta di Bolg in Blog). Io non miro alla perfezione, ho troppo poco tempo da dedicare alla mia "casa" virtuale, ma voglio "arredarla" come piace a me, che mi somigli!

      Elimina
  2. E la nascita vera e propria: l'inizio di un bel percorso. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniela, detto da te è proprio un bel complimento!

      Elimina
  3. Ma sai che sai scrivere proprio bene?
    Mi hai tenuta incollata allo schermo, parola dopo parola ;-)
    Ognuno ha la propria storia e la tua mi ha molto affascinata.
    Ti ho scoperta da poco, ma ti seguo molto volentieri!
    A presto!!
    Daniela - Mani di Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tu allora la famosa "Mani di Dani" ... ti ho incrociata varie volte qui e là.
      Benvenuta nell'armadio!

      Elimina
  4. Io l'ho letto solo ora questo post e, qui lo dico e qui lo ribadisco, hai fatto proprio bene a lanciarti in questa avventura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara Sabrina! Peccato non averlo fatto prima!

      Elimina
  5. Ciao Squitty!
    alla fine ti scrivo qui.... e che dire? beh....innanzi tutto che sì.... un altro blog mancava, sarebbe mancato se non lo avessi aperto (creato? ideato? sono ancora talmente poco pratica che nemmeno so quali termini sarebbero più corretti! ma a me piace anche così).... e poi ti dico anche: ma quante similitudini ho ritrovato con quel che scrivi e racconti di te!!! davvero tante e mi piace.... e poi scrivi molto bene......
    Nei mesi scorsi Ti ho visto in giro nel commenti di Daniela (Decoriciclo) e Maria di Africreativa e in tanti altri... ma il poco tempo (eh già ! le giornate han solo 24 ore!! uffi!) mi ha fatto rimandare e rimandare... poi ieri l'intervista da Pinkg (che con mia grande sorpresa è stata una delle mie prime iscritte: e quanto piacere!!!!!) mi avete tenuta incollata al pc nonostante ultimamente il mio tempo webbico è sempre più ristretto!! (hmm.... secondo me le giornate si stanno accorciando e non parlo del buio.....) così non avevo davvero più scuse e eccomi qui....
    il tuo blog è stupendo! tecnicamente perfetto! non so com'era all'inizio ma ora è bellissimo!!! e molto interessante....uuuhhh quanta invidia (quella buona ovviamente) ....ti seguirò con piacere!
    Buona giornata !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Magalì!!!!
      Scusa il ritardo nella risposta, ma - come dici tu - il tempo webbico è sempre tiranno (se poi lo si satura a dismisura, come faccio io ...).
      Anzitutto benvenuta nell'armadio!!!
      Sì, mi si trova in giro per i commenti .. sempre troppo poco, comunque, mi piacerebbe leggere di più!
      Che dire? Grazie per i complimenti, davvero graditi!
      Non so se il blog sia "tecnicamente perfetto", di sicuro ho cercato di costruirlo a mia immagine e somiglianza e sono piuttosto soddisfatta, anche se ho ancora qualche modifica in testa. All'inizio era abbastanza diverso, ma sono cambiate le esigenze e così le modifiche sono arrivate naturalmente!
      Ho già dato un'occhiata al tuo blog, ma ci voglio venire con calma!
      A presto

      Elimina